I “ragazzi cattivi” di Kayrós al Teatro Parenti fanno Sold Out

Lo spettacolo-testimonianza interamente scritto ed interpretato dai ragazzi ospiti dell’Associazione Kayrós e parte integrante del progetto “Non mi fai paura, Bullismo e Cyberbullismo insieme si può vincere” è andato in scena in una serata incredibile lunedì al Teatro Franco Parenti a Milano.

Ian ospite Kayrós. Pic by Andrea Cherchi

I giovani ospiti della Comunità Kayrós di Vimodrone, nella loro prima volta su un palco così prestigioso, alla presenza di don Gino Rigoldi cappellano del carcere minorile milanese Beccaria ed amico di Kayrós da sempre, del vice vicario episcopale all’educazione don Mario Antonelli, della dottoressa Laura Galimberti assessore all’educazione ed istruzione del Comune di Milano, al giudice di sorveglianza del tribunale dei minori dottoressa Valentina Paletto, alla PM dottoressa Annamaria Fiorillo ed a molte altre autorità del mondo della scuola e dell’educazione che hanno voluto testimoniare con la loro presenza una forte attenzione all’ascolto della testimonianza importante e profonda di una realtà fatta di sofferenza, cadute e risalite, di un percorso educativo che questi ragazzi fanno giorno dopo giorno accompagnati da don Claudio Burgio e dagli educatori di Kayròs, volto al cambiamento, alla scoperta di se stessi che li porterà al raggiungimento di una autonomia responsabile.

Don Mario Antonelli vice vicario episcopale all’educazione con Daniel ospite Kayrós
Pic by Andrea Cherchi

Don Gino Rigoldi e Buba ospite Kayrós
Pic by Andrea Cherchi

Dottoressa Laura Galimberti, assessore all’educazione ed istruzione del Comune di Milano
Pic by Andrea Cherchi

Dottoressa Valentina Paletto, giudice di sorveglianza del Tribunale dei minori di Milano. Pic by Andrea Cherchi

Dottoressa Annamaria Fiorillo , PM al Tribunale dei Minori di Milano. Pic by Andrea Cherchi

Tre i principali temi trattati, l’importanza della Famiglia, la vita in Comunità e la Libertà vista anche dal punto di vista dell’integrazione e dell’accettazione del “diverso” da sè.

Quanto è importante la Famiglia, soprattutto in queste circostanze, ce lo ha raccontato Michele attraverso una lettera davvero molto toccante scritta e letta da lui personalmente alla sua mamma adottiva in un solo sul palco che ha tenuto tutti col fiato sospeso.

Michele ospite Kayrós Pic by Andrea Cherchi

Savino ed Anass hanno raccontato e sviscerato il legame tra adolescenti in difficoltà che si ritrovano a vivere in Comunità, cosa vuol dire avere rispetto per se stessi e per i “compagni di viaggio”, quale sia il rapporto tra adolescenti e mondo adulto.

Savino e Anass ospiti Kayrós Pic by Andrea Cherchi

Profondo l’intervento di Daniel e Loubna amica di Kayrós con un passato simile a molti dei ragazzi presenti in Comunità, nei loro monologhi hanno affrontato il tema della Libertà accompagnandoci in un racconto molto dettagliato attraverso le difficoltà che hanno dovuto affrontare nella loro adolescenza e quanto sia stato fonte di cambiamento un semplice incontro, che per Daniel è stato don Claudio, da lui stesso definito il suo angelo, che ha dato una svolta al loro modo di vivere.

Loubna amica di Kayrós Pic by Andrea Cherchi

Un susseguirsi di emozioni che attraverso le loro parole hanno toccato sicuramente gli animi dei presenti, molte le argomentazioni forti trattate come il rapporto degli adolescenti con le istituzioni, con il mondo adulto, con il “diverso” da sé e con Dio e soprattutto temi molto attuali come bullismo, cyberbullismo e pregiudizio.
“Un incontro è per sempre”, incrociare occhi veri che guardano all’altro con affetto profondo può cambiare radicalmente la vita ecco il messaggio trasmesso dal palco del Parenti, per i ragazzi ospiti di Kayrós lo sguardo è quello di don Claudio Burgio che oltre ad accompagnarli nel loro percorso, da qualche anno ha creato un progetto che porta nelle scuole di primo e secondo grado sui temi della legalità, del bullismo, del cyberbullismo e dell’adolescenza accompagnato dalle testimonianze dei suoi ragazzi che queste situazioni le hanno vissute sulla propria pelle e possono darne testimonianza reale.

Pic by Andrea Cherchi

Ringraziando il pubblico presente, gli amici che hanno salutato da lontano, tutte le autorità presenti ed assenti, e soprattutto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che, nonostante i suoi molteplici impegni, ha trovato il tempo di testimoniare il suo sostegno ed incoraggiamento ai giovani ospiti dell’Associazione Kayrós, a don Claudio Burgio ed al team che lavora ogni giorno fianco a fianco con i ragazzi per l’importante progetto che stanno portando avanti; vi diamo appuntamento alla prossima data che sarà comunicata il più presto possibile.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.