COMUNITA’. Il presepe di Kayrós, promessa di rinascita

C’è un presepe di cui sono protagonisti i ragazzi di Kayrós che parla dei loro dolori e delle loro speranze attraverso scene di vita quotidiana.

Il nostro presepe

Un ragazzo ripiegato su sé stesso in una cella del carcere, le casette colorate dove vivono i ragazzi e che si affacciano sul campo di calcio, la scritta che campeggia all’ingresso della comunità: “Non esistono ragazzi cattivi”.

E la scena principale di ogni presepio: la natività di Gesù. “I ragazzi hanno scelto questa modalità per testimoniare che c’è qualcosa in grado di scardinare anche le porte chiuse di una cella – spiega il direttore Guido Boldrin – e per affermare che ci sono luoghi dove è possibile rialzare la testa, tornare a sperare, diventare protagonisti di una rinascita, se qualcuno offre una opportunità, un kayròs, come dice il nome della nostra comunità”.

Dario è uno dei giovani che ha realizzato il presepe: “Abbiamo messo a frutto le riflessioni sulle nostre storie, sulla presa di coscienza degli errori commessi e sulla gratitudine per avere ricevuto una proposta per cambiare direzione. Dentro le crepe della nostra vita si è infilato un raggio di luce, qualcosa di gratuito e inatteso, proprio come la nascita di Gesù. Per questo costruire il presepe insieme è un buon auspicio per un futuro luminoso”.

Il nostro presepe

Flavio è un volontario che ha collaborato alla realizzazione: “Il risultato finale è qualcosa di significativo anche se imperfetto. Proprio questo rende più autentico ciò che abbiamo costruito. Gesù è venuto al mondo in una mangiatoia, circondato da pastori e povera gente, Dio si è fatto uomo in una condizione di sofferenza, e anche il nostro presepe è opera di persone fragili, piene di limiti ma amate”.

Il nostro presepe

L’opera partecipa alla mostra “Presepi della carità” promossa dalla diocesi di Reggio Emilia e dall’associazione Città di Reggio e allestita nel Battistero della città emiliana. “La nostra comunità è un piccolo segno per testimoniare che Dio non lascia indietro nessuno e che non si cresce e non si cambia da soli. Al tempo stesso è un richiamo alla società perché chi ha sbagliato non diventi oggetto di uno stigma ma possa trovare occasioni di riscatto – osserva Boldrin – Per questo sono necessarie una compagnia di persone amiche e una sensibilizzazione dell’opinione pubblica capace di abbattere pregiudizi e diffidenze. Papa Francesco ha ricordato più volte un proverbio africano: ‘Per educare un bambino serve un intero villaggio’.

E’ proprio vero: perché la luce di Gesù possa risvegliare l’umano di questi giovani occorre la responsabilità di tutti, non solo degli addetti ai lavori.

Giorgio Paolucci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.